10Y ITA BTP – Spread ITA-GER – 3 Month Euribor I.R. – Elliott Wave Forecast – Aggiornamento del 29 maggio 2018.

Sotto pressione….ma che fine ha fatto Draghi?

 

Ancora sotto pressione, al momento non è servito a nulla tentare di calmierare le tensioni finanziarie con una nomina “gradita” ai mercati finanziari. Le strutturalità rialziste sono talmente evidenti che l’unica cosa da fare è attendere che si completino gli impulsi in corso, per esaminare poi la successiva fase discendente. Andiamo quindi a vedere a che punto siamo nelle dinamiche giornaliere riportate rispettivamente qui di seguito per 10Y ITA BTP, Spread 10Y ITA-GER ed Euribor a 3 mesi.

 

10Y ITA BTP – Update hr. 12.11 – May 29th, 2018. 

Il grafico evidenzia il rally impressionante dei tassi italiani analizzati secondo il metodo delle onde di Elliott che lascia intravedere la prosecuzione della seguente fase rialzista

InchCapital Platform – 10Y ITA BTP – Elliott Wave Forecast – Data Source Datalink

 

La dinamica è in chiara estensione rialzista. Al momento abbiamo due obiettivi non ancora raggiunti a 3.6100 (intermedio) e 4.1900 (finale). I trend stage daily è weekly sono ancora al rialzo ed indicano che c’è ancora spazio direzionale non evidenziando alcuna fase inerziale read more InchCapital Platform – 10Y ITA BTP

 

Il grafico evidenzia due immagini relative all'andamento ciclico dei tassi rispetto alle serie storiche giornaliere e settimanali e più in particolare la posizione ciclica rispetto alle due fasi rialziste e due fasi ribassiste. Sia per il breve che per il medio/lungo periodo siamo al rialzo.

InchCapital Platform – 10Y ITA BTP – Trend Stage Daily & Weekly

 

Lo spread evidenzia un conteggio ancora incompleto con estensione centrale ancora in corso. I trend stage anche in questo caso evidenziano spazio per ulteriori spinte rialziste verso i successivi obiettivi a 346.00 e 376.00 read more InchCapital Platform – Spread 10Y ITA-GER

 

Spread 10Y ITA-GER – Update hr. 12.11 May 29th, 2018.

Il garfico evidenzia l'andamento lineare dello spread su serie storiche giornaliere analizzato secondo il metodo delle onde di Elliott: c'è ancora spazio per salire.

InchCapital Platform – Spread 10Y ITA-GER – Elliott Wave Forecast – Data Source Fida

 

Le rilevazioni dell’Euribor a 3 mesi sono uno dei principali punti di riferimento per l’andamento dei costi legati ai mutui ipotecari. E’ pur vero che questo tasso è uscito al rialzo da una fase laterale durata più di un anno e che quindi, dopo una flessione durata oltre dieci anni ben difficilmente saranno registrati nuovi minimi.

 

3-Month Euribor interest rates – daily closing -0.322 – Update May 28th, 2018 

Il grafico settimanale in candlestick evidenzia l'andamento rialzista dei tassi euribor a 3mm che per la prima volta escono al rialzo dalla fase laterale in essere da un anno e mezzo.

InchCapital Platform 3MTH Euribor – Weekly candlestick chart – Data Source Fida

 

Si tenga tuttavia conto che durante il periodo più acuto della precedente crisi italiana del novembre 2011 “governo di emergenza Mario Monti” le rilevazioni erano a 1.5910 con tassi del decennale a 7.4800. Di conseguenza visto che siamo ancora con tassi dell’Euribor negativi mi devono spiegare come aumenterà il costo dei mutui in essere parametrati all’Euribor. Aumenterà quello dei nuovi mutui ma a breve / medio periodo non vedo tutto questo rischio sul fronte mutui.

Conclusioni:

prima o poi qualcuno si chiederà dov’è finito Mario Draghi. L’occasione per stabilizzare il mercato l’ha avuta nel punto migliore possibile e cioè con rilevazioni del decennale inferiori a 2.8000 e dello spread a 212. Evidentemente ci sono ragioni che sfuggono alla razionalità comunemente intesa. Le analisi degli spread indicano un’Europa spaccata in due.

 

L'immagine evidenzia l'analisi spread dei tassi a 10 anni italiani (sempre al numeratore) contro l'andamento dei corrispondenti spagnolo, francese e tedesco (sempre al denominatore) ad evidenziare l'andamento dicotomico tra Francia e Germania da una parte ed Italia e Spagna dall'altra.

InchCapital Platform – 10Y ITA spread vs Spain – France – Germany

L’asse franco-tedesco da una parte ed i Paesi del mediterraneo dall’altra. Stiamo aspettando una risposta da parte dell’Europa unita e cioè da parte della B.C.E.